fbpx
Flac
Apri il menù del settore Flac

Adriano Baracchini-Caputi 1883-1968. Giovedì 14 marzo s’inaugura la mostra

foto

Giovedì 14 marzo 2019, alle ore 17.00, alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini di Collesalvetti sarà inaugurata la mostra Adriano Baracchini-Caputi 1883-1968. La musica del divisionismo al tempo di Vittore Grubicy curata da Francesca Cagianelli in occasione delle celebrazioni per Leonardo da Vinci.

Promossa da Fondazione Livorno, Fondazione Livorno-Arte e Cultura e Comune di Collesalvetti, resterà aperta fino al 13 giugno 2019, tutti i giovedì, ore 15.30-18.30 e su appuntamento.

Interverranno all’inaugurazione:

Luciano Barsotti Presidente Fondazione Livorno-Arte e Cultura

Lorenzo Bacci Sindaco del Comune di Collesalvetti,

Donatella Fantozzi Assessore alla Cultura del Comune di Collesalvetti

Adriano Agostini in rappresentanza degli eredi dell’artista

Francesca Cagianelli Conservatrice della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini

Sono 46, tra dipinti e disegni, le opere, quasi tutte inedite, di Adriano Baracchini-Caputi selezionate per questa prima rassegna antologica che colma un vuoto pluriennale nell’ambito della storiografia critica livornese e toscana, visto che l’ultima mostra dedicata all’artista si svolse nel 1923 presso la celebre “Bottega d’Arte” di Livorno.

Un nucleo di straordinari disegni e tecniche miste di Vittore Grubicy de Dragon facenti parte della collezione d’arte di Fondazione Livorno contribuisce ad impreziosire il percorso espositivo ed evidenzia il magistero spirituale esercitato dal noto esponente divisionista lombardo nei confronti di Baracchini-Caputi, che diverrà tramite del credo divisionista grubicyano presso il cenacolo livornese del Caffè Bardi.

Coltissima e aristocratica fu la vocazione artistica manifestata dal livornese, che fin da giovanissimo, ovvero già nel 1906, appena ventitreenne, esterna all’amico Benvenuto Benvenuti la frustrazione rispetto alla superficialità culturale trionfante nella Livorno primonovecentesca.

Ne deriva la difficile battaglia di Baracchini-Caputi per l’affermazione in sede livornese di un’arte intimamente spirituale, quella appunto afferente al credo divisionista, destinata a culminare tra il 1919 e il 1920 con la “Nobile Idea” di coordinare, in tandem con lo stesso Benvenuti, la donazione al Museo Civico di Livorno del Trittico del maestro milanese, La Vela, Alba di Signori e Alba di Lavoro.

Grazie alla preziosa collaborazione con l’Archivio del ‘900, Mart, Rovereto, che ha cortesemente messo a disposizione i Fondi Grubicy-Benvenuti, trova ospitalità nell’ampio catalogo edito da Pacini Editore (Pisa 2019, 164 pagine) – a tutti gli effetti la prima e l’unica monografia esistente sull’artista – una mole documentaria assolutamente inedita che documenta il collegamento tra circuiti artistici livornesi e l’intellighenzia italiana coordinata da Vittore Grubicy di cui anche Arturo Toscanini fece parte.

Tra le scoperte di maggiore rilevanza critica domina in catalogo la vicenda intercorsa tra l’artista e il teorico rosacrociano Joséphin Péladan, la cui inedita corrispondenza, ascrivibile tra il 1909 e il 1910, relativa al progetto editoriale del livornese di tradurre la conferenza da lui dedicata a Leonardo da Vinci, consente di enucleare uno dei più significativi capitoli della fortuna del genio vinciano nella Toscana primonovecentesca.

La mostra, che si avvale di un Comitato d’Onore, composto da Adriano Agostini, Giuseppe Argentieri, Roberto Baracchini-Caputi, Dario Matteoni, Elena Revello, è stata resa possibile grazie alla collaborazione di tanti collezionisti privati, ma soprattutto degli eredi dell’artista, che hanno cortesemente messo a disposizione le opere e l’Archivio, consentendo finalmente di illuminare il profilo di una personalità di prim’ordine, eppure finora assolutamente dimenticata.

In occasione della mostra, il Comune di Collesalvetti ha varato un articolato calendario scientifico di lezioni, focus, conferenze e visite guidate, volto a riscoprire inediti percorsi del divisionismo tra Livorno e Milano, dal titolo “Geografie del Divisionismo tra la Toscana e l’Europa”.

 

Inaugurazione mostra

giovedì 14 marzo 2019, ore 17.00

Pinacoteca Comunale Carlo Servolini

via Umberto I, n. 63 – Collesalvetti

 

Apertura e visite guidate

tutti i giovedì ore 15.30-18.30

e su appuntamento (fino al 13 giugno 2019)

Visite guidate e laboratori didattici gratuiti –

 

INGRESSO GRATUITO

 

Per informazioni 0586.980255/256

Leggi anche

Volontariato

Volare Senz’Ali inaugura la nuova sede

Sabato 16 novembre Volare Senz’Ali inaugura la nuova sede di via Ascoli 12 a Livorno. L’associazione assiste bambini e ragazzi con gravi disabilità neuromotorie che non riescono a svolgere  i più semplici atti della vita quotidiana senza il sostegno di un adulto. I nuovi...

Volontariato

Ecco come la Fondazione gestirà la sua attività nel 2020

Fondazione Livorno ha approvato il documento annuale per la programmazione delle attività dell’anno 2020. È questo l’ultimo anno del triennio 2018-20, le cui linee generali furono decise e deliberate nell’ottobre 2017. Il Documento Programmatico, approvato il 30 ottobre scorso dal Comitato d’Indirizzo, individua gli...

Arte e cultura

Dedo è ritornato a Livorno

Emozione, gioia, fermento, telecamere, macchine fotografiche, i colori: il giallo, l’azzurro, il verde, parole francesi, inglesi, italiane. Il Museo della Città si è mostrato con l’abito più bello alla presentazione ufficiale alla stampa (alla quale hanno partecipato più di 100 giornalisti) della grande mostra...

FLAC
Visite guidate
Collezione opere d'arte
Biblioteca e archivi