Arte e cultura
Apri il menù del settore Arte e cultura

All’Isola d’Elba un progetto per costruire la reggia di Napoleone. L’importante scoperta in un documento inedito. Conferenza stampa

img_43

Martedì 8 marzo 2011 alle ore 12, presso la sede della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno (piazza Grande, 21) si terrà una conferenza stampa per presentare importanti documenti inediti recentemente rinvenuti nell’Archivio di Stato di Massa, che permettono di si riscrive la storia della presenza di Napoleone all’Elba.
Interverranno il presidente della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno Luciano Barsotti, il sovrintendente per i B.A.P.S.A.E. di Pisa e Livorno Agostino Bureca, il direttore dei Musei Nazionali delle Residenze Napoleoniche dell’Isola d’Elba Roberta Martinelli, la storica Monica Guarraccino.
Tra le carte del Fondo del Conte Agostino Fantoni è stato infatti trovato un progetto che dimostra la volontà dell’Imperatore di trasformare la piccola abitazione elbana di San Martino in una vera dimora imperiale.
Questa scoperta vuole dunque avvalorare l’ipotesi che Napoleone, nell’isola, non si sentisse affatto in esilio, ma continuasse invece a muoversi e professarsi Imperatore.
Il documento – un disegno del prospetto della residenza ed una pianta con la suddivisione e le funzioni delle stanze – permette una ridefinizione storicamente corretta e documentata della residenza napoleonica e dell’attuale collocazione di oggetti ed arredi del museo. Ma soprattutto, gli elementi di riqualificazione architettonica e di decoro contenuti nel progetto, attestano che Napoleone non volesse abdicare al suo status di Imperatore.
Il ritrovamento, di cui è stata autrice Monica Guarraccino, costituisce uno dei risultati della ricerca avviata in diversi archivi italiani e francesi con il progetto “Da Parigi alla Toscana: il gusto di vivere al tempo di Napoleone ed Elisa”. Pensato dal direttore del Museo Nazionale delle Residenze Napoleoniche dell’isola d’Elba Roberta Martinelli e promosso dalla Direzione Regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Toscana, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, il progetto è stato avviato nel 2007 e si inserisce nel programma di ricerche, studi e iniziative sugli anni napoleonici in Toscana predisposto in vista del 2014, bicentenario dell’arrivo di Napoleone all’Elba.
La prossima tappa, nel calendario di iniziative e momenti di approfondimento, sarà l’esposizione a Parigi, al Musée de l’Armée, della mostra “Mito e Bellezza”, dedicata al mito di Napoleone.
Ma intanto la ricerca va avanti e continuano ad emergere documenti che confermano la teoria di Napoleone Imperatore all’Elba.

Leggi anche

Arte e cultura

Ecco il bando per la cultura

Da lunedì 13 febbraio alle ore 8.30 potranno essere inviate le richieste di contributo

Fondazione Livorno pubblica, in anteprima, il bando “Interventi per l’arte e la cultura 2023”, rivolto a enti pubblici o privati senza scopo di lucro. Il bando dispone di un plafond di 200mila euro e potrà essere richiesto un importo massimo di 10mila euro. Da...

Arte e cultura

Imparare i mestieri d’arte: Spazio NOTA ha presentato il calendario dei corsi di moda e sartoria artigianale

Aperte le iscrizioni per i laboratori in partenza a marzo e aprile 2023

Livorno, 25 gennaio 2023 – Spazio NOTA (Nuova Officina Toscana Artigianato), sede di laboratori dedicati alla formazione nei mestieri d’arte, ha presentato il calendario dei corsi in programma nel 2023. Lo Spazio è nato per promuovere e accrescere, attraverso la realizzazione di laboratori tecnici,...

Arte e cultura

Un viaggio in collezione – Giornata di studi sulla pittura livornese

Presentato anche il volume 'Tracce di memoria. Studi intorno all’arte di Mario Madiai' curato da Giorgio Bacci e Cristiano Giometti

Un viaggio in collezione costituisce, dopo quella dello scorso anno dedicata all’opera di Mario Madiai, la seconda giornata di studi organizzata da Fondazione Livorno e Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università di Firenze, con l’obiettivo di valorizzare artisti e opere presenti nella collezione dell’Ente. Oggi, tra le affiches di Leonetto...

FLAC
Visite guidate
Collezione opere d'arte
Biblioteca e archivi