Arte e cultura
Apri il menù del settore Arte e cultura

Bruno Munari e Stefano Guerrera protagonisti delle due mostre allestite per il festival dell’umorismo

1_titolo_def

Saranno inaugurate giovedì 22 e venerdì 23 settembre le due mostre promosse da Fondazione Livorno e Fondazione Livorno – Arte e cultura che accompagneranno il programma del festival sull’umorismo Il Senso del Ridicolo. Nell’occasione sarà esposta al  pubblico una delle false teste di Modigliani.

Se i quadri potessero parlare  è la mostra dedicata alla spassosa pagina Facebook in cui Stefano Guerrera ha corredato capolavori della storia dell’arte di battute esattissime e spiazzanti (come «Mai ‘na gioia» e «Ciaone»)  che ha già prodotto due libri. Ora ne deriva questa mostra, che tradisce l’amorevole confidenza con cui è lecito e consigliabile sdrammatizzare la sacralità dell’arte e portarcela, così, più vicina. Riderne è un altro modo di misurare la sproporzione fra il suo linguaggio universale e i nostri gerghi e dialetti quotidiani.

A presidiare silenziosamente la mostra, la Testa n. 2 della famosa beffa su Modigliani del 1984: l’unica che fu prodotta davvero e soltanto per uno scherzo giovanile e scanzonato, scherzo che però ha poi preso una dimensione impensabile, enorme e persino drammatica.

Sarà inaugurata giovedì 22 alle ore 18.00 presso la Bottega del Caffè  e rimarrà aperta fino al 25 settembre con i seguenti orari: giovedì 22 dalle 18.00 alle 20.00, venerdì 23, sabato 24 e domenica 25 dalle 10.00 alle 20.00.

Bruno Munari: un personaggio in cerca d’aurore sarà invece inaugurata venerdì 23 settembre alle ore 11,30 presso la Sala degli Archi, Fortezza Nuova.

Macchine, poltrone, forchette, animali, paradossi: nel lavoro di Bruno Munari, che lui stesso ripercorreva in una mostra autobiografica, persino le macchine per le fotocopie non riescono a fare banalmente il loro mestiere giacché sono costrette all’originalità. Se l’umorismo è cercare le pieghe inedite del mondo, Munari è stato non solo un grande artista e un maestro di design, ma anche, incidentalmente, un umorista impareggiabile, per il quale l’ovvio è l’oppio dei popoli e l’occhio, invece, ne costituisce l’unico possibile riscatto.

La mostra rimarrà aperta fino al 25 settembre e osserverà i seguenti orari: venerdì 23 dalle 11,30 alle 20.00,

sabato 24 e domenica 25 dalle 9.00 alle 20.00.

Leggi anche

Arte e cultura

Il corallo a Livorno all’epoca di Modigliani

Una mostra sulla pesca, la lavorazione e il commercio del corallo a Livorno

Il corallo è il protagonista della mostra Il corallo a Livorno all’epoca di Modigliani che sarà inaugurata martedì 21 gennaio alle ore 17 al Museo della Città di Livorno e resterà aperta fino al 16 febbraio. Promossa da Fondazione Livorno, Comune di Livorno e...

Arte e cultura

Premio Ciampi 2020, da Genova a Livorno

Il Premio Ciampi 2020 partirà da Genova, Via del Campo 29 Rosso, il 16 gennaio. La strada simbolo della “Zena” popolare cantata da Fabrizio De André, al civico che ha ospitato lo storico negozio “Musica Gianni Tassio”. “Piero Ciampi e Genova – un’affinità inevitabile”...

FLAC
Visite guidate
Collezione opere d'arte
Biblioteca e archivi