Arte e cultura
Apri il menù del settore Arte e cultura

Mostra “Eredità del novecento: Arte e Design nelle collezioni civiche di Livorno”

Fondazione Livorno e Granai di Villa Mimbelli 5 settembre – 31 ottobre 2015
inaugurazione 4 e 5 settembre, ore 17.30

Nell’immediato secondo dopoguerra la città di Livorno, che aveva sempre avuto una forte vocazione per l’arte contemporanea, iniziò, attraverso il “Premio Amedeo Modigliani”, una vera e propria campagna acquisti di opere d’arte. Il premio si tenne tra il 1955 e il 1967 e le sue due ultime edizioni portarono alla città dei lavori tanto straordinari, che il comune decise di dar vita ad un nuovo museo.

Grazie alla collaborazione di un qualificato gruppo di curatori – Vittorio Fagone, Lara Vinca Masini e Aldo Passoni – nacque dunque il progetto di Villa Maria, che prese forma con la I Biennale del Museo Progressivo di Arte Contemporanea Città di Livorno 1974/75. Tramite una strategia chiara ed efficace, i curatori riuscirono a convogliare a Livorno un significativo numero di opere dei protagonisti dell’arte italiana del tempo, donate o acquistate a prezzo simbolico. Opere che permisero di fotografare in maniera ampia e articolata la situazione artistica italiana alla metà degli anni Settanta.
La fase iniziale di vita del museo fu molto vivace, caratterizzata da un buon numero di mostre così come da conferenze e convegni dedicati ai temi più attuali della ricerca artistica, ma per motivi diversi, lo slancio iniziale andò spengendosi dalla fine degli anni Settanta fin quando, all’inizio dei Novanta, l’Amministrazione comunale decise di chiudere il Museo Progressivo.

Questa storia verrà raccontata dalla mostra “Eredità del Novecento. Arte e design nelle collezioni civiche livornesi”, che si aprirà a settembre negli spazi della Fondazione Livorno e ai Granai di Villa Mimbelli.

La mostra è divisa in due sezioni, una dedicata al design, curata da Antonella Capitanio, che si inaugurerà il 4 settembre alle 17.30 in Fondazione Livorno e una dedicata all’arte, a cura di Mattia Patti, che si aprirà invece il 5 settembre, sempre alle 17.30, a villa Mimbelli.
Le mostre, primo appuntamento dopo la pausa estiva per il progetto Toscana ’900. Piccoli Grandi Musei 2015, organizzato con il sostegno della Regione Toscana, l’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e la Consulta delle Fondazioni bancarie toscane, resteranno aperte sino al 31 ottobre 2015.

La mostra di Villa Mimbelli racconta la storia della prima, sostanziosa campagna di acquisizioni dell’Amministrazione livornese. L’esposizione curata da Patti intende ripercorrere alcune esperienze, fra loro antitetiche, che la I Biennale documentava. Sono così ricostruite da un lato le sale dedicate alla Figurazione critica e narrativa, nelle quali, sulla scia della tradizione Pop e in connessione con nuove forme di figurazione, erano esposte opere legate a temi di politica e di analisi sociologica; dall’altro sono ricomposte le sale dedicate a La pittura verso la pittura e a I paradossi dello specifico, ove invece – negata qualsiasi idea di figura – erano presentati dei lavori concentrati sull’idea di processo costruttivo dell’opera, di percezione dell’immagine e di analisi degli elementi strutturali del sistema della pittura.

La mostra della Fondazione Livorno, dedicata al design e curata dalla Capitanio, narra invece una storia nella storia: quella della mostra Progetto – Struttura. Metodologie del design che nel 1975, sempre all’interno della I Biennale del Museo Progressivo, presentava le opere di sei designer – Mario Bellini, Giulio Gonfalonieri, Silvio Coppola, Franco Grignani, Bruno Munari e Pino Tovaglia – all’epoca riuniti nel Gruppo Exhibition Design, in un momento in cui insieme al successo internazionale del design italiano, coronato nel 1972 dalla mostra al MOMA di New York, era ormai da tempo maturato anche un forte ripensamento critico sul fare design. Grazie a quella esposizione le collezioni civiche livornesi acquisirono un materiale non comune, che oltre ad oggetti come l’Abitacolo di Bruno Munari e il prototipo della sedia Gru di Silvio Coppola, comprende una grande quantità di elaborazioni grafiche, testimonianza dell’iter progettuale delle varie opere, siano esse una lampada, un manifesto o anche solo un carattere tipografico.
In mostra la documentazione sarà arricchita anche da filmati e foto d’epoca relativi al prototipo dell’auto Kar-a-sutra ideata da Mario Bellini per la citata mostra del MOMA, vera origine di tutte le grandi e versatili monovolume divenute poi lo standard tendenziale del modo contemporaneo di intendere l’automobile.

Le mostre ad ingresso gratuito saranno visitabili nei seguenti giorni:

Sezione design
Fondazione Livorno
Piazza Grande 23, Livorno
Inaugurazione 4 settembre ore 17.30
Apertura con visite guidate 5-6 settembre,26-27 settembre,3-4 ottobre 10,00-13,00 e 16,00-19,00;
viste guidate su appuntamento dal lunedì al venerdì; per prenotazione coop. Diderot 373.7607467

Sezione arte
Granai di Villa Mimbelli
Via San Jacopo in Acquaviva 65, Livorno
Inaugurazione 5 settembre ore 17.30
Apertura da martedì a domenica 10,00-13,00 e 16,00-19,00.
Una guida sarà a disposizione dei visitatori ogni sabato pomeriggio a partire dalle 17,00.

 

 

 

 

Leggi anche

Arte e cultura

Artigianato a Effetto dal 31 luglio al 4 agosto

In occasione della 34a edizione di Effetto Venezia, Fondazione Livorno, oltre ad essere sponsor della manifestazione livornese, sarà presente, come nelle edizioni passate, con la mostra-mercato di artisti e artigiani allestita lungo gli Scali Finocchietti e nel salone della ex Circoscrizione 2, realizzata in...

Arte e cultura

Effetto Venezia 2019. Conferenza stampa martedì 23 luglio

Conto alla rovescia per l’apertura della 34°edizione di Effetto Venezia, la grande festa dell’estate livornese in programma quest’anno dal 31 luglio al 4 agosto nell’antico quartiere de La Venezia. Cinque serate di grande musica, teatro, animazione di strada, street art e numerose altre iniziative...

FLAC
Visite guidate
Collezione opere d'arte
Biblioteca e archivi