Arte e cultura
Apri il menù del settore Arte e cultura

Il programma del Senso del Ridicolo raccontato da Stefano Batterzaghi

I nomi, i luoghi, le scelte della quarta edizione del Festival dell’umorismo

Il programma del Senso del Ridicolo – edizione 2018

La quarta edizione del Festival dell’umorismo è alle porte, e finalmente il programma del Senso del Ridicolo è stato svelato nelle due conferenze stampa, che si sono tenute ieri, a Firenze e a Livorno. A raccontarlo il direttore artistico dell’evento, Stefano Batterzaghi, che ha condotto la platea, attenta e numerosa, a spasso per i diversi appuntamenti in programma, senza mai spezzare il filo impalpabile e potentissimo che li unisce tutti.

Un filo conduttore che riprende, in ogni edizione del Festival, la ricerca sul significato del ridere e sulla funzione illuminante dell’umorismo, della comicità e della satira. Una ricerca che in questa edizione andrà a toccare alcuni punti ricorrenti e intimamente connessi al senso del ridicolo: gli stereotipi, la continua oscillazione fra comico e tragico, l’esperienza quotidiana del ridicolo.

“Dal guardaroba alla tavola, dagli oggetti da acquistare alle persone da conquistare, dall’etica all’etichetta ogni evenienza (quotidiana o no, materiale o spirituale che sia) ci ammonisce: il ridicolo è in agguato. Il festival livornese torna per un’edizione curiosa degli angoli in cui si può annidare il ridicolo, nelle peripezie del costume, del potere, dell’animo umano.” racconta Batterzaghi.

Il programma del Senso del Ridicolo - Stefano Batterzaghi

Stefano Batterzaghi alla conferenza stampa della quarta edizione del Senso del Ridicolo

Gli ospiti, i luoghi, gli appuntamenti

Chiara Alessi, Stefano Andreoli, Marco Ardemagni, Marco Belpoliti, Anna Bonaiuto, Matteo Caccia, Maria Cassi, Filippo Ceccarelli, Ascanio Celestini, Sara Chiappori, Pilar Fogliati, Federica Fracassi, Bruno Gambarotta, Gabriele Gimmelli, Eva Giovannini, Sofia Gnoli, Silvio Orlando, Massimo Recalcati, Bobo Rondelli, Irene Soave, Nadia Terranova. Da venerdì 27 a domenica 29 settembre, attori, autori, filosofi, scrittori, giornalisti, radio-star, letterati, comici, 21 ospiti in totale, si alterneranno in un programma che prevede 18 appuntamenti. Alcuni a ingresso gratuito, la maggior parte con un biglietto simbolico di 3 euro.

Il programma del Senso del Ridicolo - Matteo Caccia - edizione 2018

Il Senso del Ridicolo – Matteo Caccia – edizione 2018

Dalle 10 alle 21 gli eventi del programma del Senso del Ridicolo si concentreranno fra piazza del Luogo Pio, i Bottini dell’Olio, gli Scali Finocchietti, nel cuore della Venezia, affascinante quartiere storico della città di Livorno, e in altri luoghi simbolo della cultura livornese: Teatro Goldoni, Teatro Vertigo, Fondazione Livorno.

Il programma del Senso del Ridicolo - edizione 2018 - Teatro Goldoni

Il Senso del Ridicolo – Teatro Goldoni – edizione 2018

Fondazione Livorno scommette sul ridicolo

E proprio da un’idea di Fondazione Livorno che nasce il Festival dell’Umorismo, con la volontà di investire in un progetto culturale che affondasse le radici nell’identità più intima, peculiare e positiva della livornesità, il ridicolo. E con l’obiettivo di innescare un circolo virtuoso in termini di ricaduta culturale nel proprio territorio.

I risultati non si sono fatti attendere per questa manifestazione, gestita e organizzata da Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con il supporto dell’agenzia di comunicazione Stilema, la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana. Il Festival dell’Umorismo si è ormai ritagliato uno spazio importante nella vita culturale della città e comincia a registrare l’interesse e la fidelizzazione di un pubblico sempre più nutrito anche a livello regionale e nazionale.

L’apprezzamento della critica, la grande partecipazione del pubblico, la caratura degli ospiti e il livello altissimo della proposta artistica si sommano all’importante opportunità di crescita personale e professionale che Fondazione Livorno apre ai molti giovani del nostro territorio. Anche quest’anno infatti 70 volontari partecipano alla realizzazione di questa manifestazione. Sono gli studenti delle scuole medie e superiori di Livorno, studenti universitari e rappresentanti del FAI, che contribuiscono a rendere più bello, giovane e indimenticabile il nostro Senso del Ridicolo.

Il programma del Senso del Ridicolo - edizione 2018

I volontari del Senso del Ridicolo – edizione 2018

Informazioni utili

Sul sito del Festival dell’Umorismo puoi trovare e scaricare il programma e tutte le informazioni per l’acquisto dei biglietti. Ti anticipiamo che puoi acquistare i biglietti anche durante Effetto Venezia nella Sala Simonini – Scali Finocchietti 4.

Leggi anche

Arte e cultura

Artigianato a Effetto 2019

Il racconto fotografico, i retroscena, i risultati

Abbiamo conosciuto nel dettaglio tutti gli artigiani presenti ad Artigianato a Effetto 2019, ad una settimana dalla mostra-mercato che ormai da 5 anni organizziamo all’interno di Effetto Venezia, la più importante manifestazione della stagione estiva livornese, vogliamo condividere qualche scatto, la maggior parte dei...

Arte e cultura

Gli artigiani di Artigianato a Effetto – parte 2

Le persone, i mestieri d’arte, gli oggetti unici in esposizione con Fondazione Livorno a Effetto Venezia

Effetto Venezia 2019 è appena cominciato ed eccoci al secondo appuntamento con gli artigiani di Artigianato a Effetto, la mostra-mercato organizzata a Effetto Venezia da Fondazione Livorno in collaborazione con OMA, l’Osservatorio Mestieri d’Arte per la salvaguardia dell’artigianato artistico e del patrimonio dei mestieri...

Arte e cultura

L’Orchestra Regionale della Toscana al Fusioni Piombino Festival

Martedì 30 luglio 2019 (ore 21.30), nell’incantevole scenario del Parco Archeologico di Baratti e Populonia, ricco di storia e memoria, l’Orchestra della Toscana nella sua formazione completa darà voce al paesaggio attraverso il programma “Notturni”. E’ il secondo appuntamento dell’Orchestra Regionale Toscana, dopo quello...

FLAC
Visite guidate
Collezione opere d'arte
Biblioteca e archivi