Arte e cultura
Apri il menù del settore Arte e cultura

Incontri con la Fondazione: presentazione del catalogo della mostra su Raffaello Gambogi

IMG_3730

Livorno, 3 dicembre 2023 – Gli Incontri con la Fondazione proseguono con un appuntamento dedicato all’artista livornese Raffaello Gambogi e, più specificamente, al catalogo delle opere in esposizione a Villa Mimbelli nell’ambito della mostra Raffaello Gambogi – Arte come rivelazione, promossa dal Comune di Livorno e dalla Fondazione Livorno. Progettata e allestita dalla Cooperativa Itinera, in collaborazione con la Galleria 800/900 ARTSTUDIO Livorno/Lucca. L’esposizione è curata dalla storica dell’arte Giovanna Bacci di Capaci.

Oggi, nella Sala Cappiello di Fondazione Livorno, è stato presentato il catalogo della mostra che, a 80 anni dalla scomparsa e quasi 150 dalla nascita, racconta il pittore livornese Raffaello Gambogi (1874-1943). Il catalogo è edito da Itinera. L’indagine avviene oggi lungo il doppio binario della sua vicenda artistica e umana. Pittore emotivo ed empatico, uomo ipersensibile e inqueto – come viene definito dalla curatrice nel catalogo – è interessante tornare a riflettere su un personaggio ancora poco conosciuto nel panorama artistico cittadino.

Il lavoro su Raffaello Gambogi ha premesso di entrare nel mondo pittorico dell’artista, ma anche di conoscere da vicino la sua vicenda umana, mettendo in relazione l’arte con la vita, con gli affetti, le inquietudini e le contraddizioni. Dal lavoro artistico sapientemente tracciato dalla curatrice Giovanna Bacci di Capaci, viene fuori una personalità schiva e sensibile nello stesso tempo, intima, che si esprimeva, sapientemente con morbide tonalità, utilizzate con grande padronanza. Il suo talento artistico era un dono, che spettare meritato a poche persone che posseggono quell’abilità di catturare la bellezza, di rappresentarla in forme e colori, e renderla fruibile. Un dono che può trasformarsi anche in malessere, quando diventa uno scopo esistenziale, nella delizia e nella pena della realizzazione artistica. I motivi che portarono il livornese Gambogi a ripetuti soggiorni nella città di Volterra sono da ricercare forse in questa inquietudine, in una difficile convivenza con se stesso.  Accompagnato anche dalla moglie, la pittrice finlandese Elin Danielson, si recò non poche volte a Volterra per curare, presso il frenocomio di San Girolamo, la depressione in cui era caduto, all’epoca definita psicosi alcolemica. La sua vicenda diventa così paradigmatica rispetto alle sorti dell’artista creativo a cavallo dei due secoli, quando l’estro e la passione potevano essere annoverati come sintomi di una malattia dello spirito

Nella sezione Il pittore dagli occhi celesti curata dai Sarah Bovani, Giaele Mulinari, Daniela Vianelli si traccia una biografia, con approfondimenti dedicati ai luoghi cari all’artista come Antignano, definito luogo dell’anima, e alla moglie Elin, persona chiave della vicenda personale ma anche artistica del Gambogi. Chiude il catalogo la sezione La leggenda dell’artista folle a cura di Agnese Acconci e Margherita Neri, dedicata a tracciare la storia psicologica del Gambogi, con approfondimenti sulla relazione con Elin e l’esordio della malattia e sulla sofferenza umana dell’artista. Lo studio delle cartelle cliniche redatte nell’ex Frencomio di San Girolamo di Volterra spiegano alcuni scenari etnografici presenti nei quadri ed estendono la ricerca oltre Gambogi stesso, seguendo il legame tra ritratto umano e mondo artistico, tra approccio all’arte come forma di cura ed espressione artistica come “rivelazione” della propria sofferenza.

La mostra e il catalogo sono stati realizzati a seguito della partecipazione della cooperativa al bando Interventi per l’arte e la cultura 2023 indetto da Fondazione Livorno e finalizzato a promuovere l’approfondimento di luoghi significati per la storia e l’identità culturale del territorio con iniziative nel segno dell’innovazione e nel rispetto delle tradizioni locali. Alla presentazione del catalogo sono intervenuti Luciano Barsotti, Presidente di Fondazione Livorno, la curatrice della mostra Giovanna Bacci di Capaci e tutte le autrici dei testi.

 

Raffaello Gambogi, Arte come rivelazione

18 novembre 2023 al 25 febbraio 2024

Museo Civico G. Fattori Livorno

Villa Mimbelli, Via San Jacopo in Acquaviva, 65 – 57127 Livorno

Orari: martedì – domenica 10.00-13.00 / 16.00-19.00

Mostra e catalogo a cura di Giovanna Bacci di Capaci e Cooperativa Itinera

Enti promotori: Comune di Livorno e Fondazione Livorno

Telefono per informazioni:

0586/894563 – segreteria@itinera.info

0586/824607 – infomuseofattori@comune.livorno.it

 

Di più sulla mostra Raffaello Gambogi – Arte come rivelazione

Leggi anche

Volontariato

Ecco, online, il Bando “Interventi per il sociale 2024”

Le richieste di contributo dovranno essere inviate telematicamente entro le ore 13.00 di giovedì 29 febbraio 2024

Livorno, 22 dicembre 2023 – Nell’ambito del settore Volontariato, filantropia e beneficenza Fondazione Livorno ha pubblicato il bando Interventi per il sociale 2024. Con un plafond di 300.000 euro, il bando è rivolto a enti pubblici o privati senza scopo di lucro dotati di...

Educazione

53 nuovi progetti per il 2024 selezionati dal Fondo per la Repubblica Digitale

Assegnati circa 22,2 milioni per i bandi “In Progresso” e “Prospettive” dedicati a disoccupati e lavoratori a forte rischio di sostituibilità

Livorno, 21 dicembre 2023 – Nel 2024 oltre 8.500 tra disoccupati e lavoratori con mansioni a forte rischio di sostituibilità a causa dell’automazione e dell’innovazione tecnologica potranno beneficiare gratuitamente dei 53 progetti selezionati e sostenuti dal Fondo per la Repubblica Digitale Impresa sociale. In totale sono stati messi...

Arte e cultura

Pietro Annigoni, pittore di magnifico intelletto – A painter and his kingdom

In partenza la mostra allestita a Villa Mimbelli dal 15 dicembre 2023 al 15 marzo 2024

Livorno, 14 dicembre 2023 –  La più ampia mostra antologica dedicata a Pietro Annigoni negli ultimi vent’anni, sulla scia della grande iniziativa monografica realizzata a Palazzo Strozzi a Firenze nel 2000 per celebrare l’artista dopo la scomparsa avvenuta nel 1988, si intitola Pietro Annigoni,...

FLAC
Collezione d'arte e Visite guidate
R'accolte
Biblioteca e archivi